Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Anche Venezia ha il suo coprifuoco: nessun treno Regionale o ad Alta Velocità (Freccia o Italo) c’è per lasciare la città verso Milano o Bologna dopo le 7.50 di sera. Non è un po’ presto? Gente in piedi in corridoio sovraccarica, infatti, il famigeratissimo e temutissimo “InterCityNotte 771″, che parte a mezzanotte e otto minuti da Santa Lucia per Roma Termini, e arriva a Bologna alle 2.15 (se va bene). Il punto è questo: se volete cenare a Venezia, ma anche semplicemente prendere un aperitivo alle 7 o 8 di sera, e poi tornare a casa in una città vicina, Ferrara, Padova, Rovigo, Bologna, l’unica vostra alternativa è fare le 2 di notte ammassati in piedi in un Intercity, con gente fra l’altro spesso non proprio pulita. Davvero una bella esperienza dopo aver passato una serata nella città più bella del mondo. Quando anche un bambino capisce che basterebbe mettere un FrecciaBianca Venezia-Bologna e uno Venezia-Milano verso le 10 o le 11 di sera, per chi ha voglia di vivere Venezia senza dover scappare a metà del pomeriggio. Cari dirigenti di Trenitalia, non vi azzardate a dire che non ci sarebbe mercato per un treno del genere. Provate a stare in piedi ammassati in corridoio per due ore e mezzo sul 771 e poi ditemi che non c’è mercato.

Lorenzo – Bologna

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui