Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

 

La “Nave de vero” fa la parte del leone, ma non si sono ripetuti i disagi patiti il giorno di Pasquetta

Su Rete e social network aumenta il numero di critiche alle serrande alzate nei giorni di riposo

Giorno della Liberazione con passeggiata al centro commerciale a Mestre. E tocca ancora alla “Nave de vero” fare la parte del leone. Tanta gente pronta a fare shopping già dalle 9 del mattino e alle 11 parcheggi già pieni ma per fortuna non si sono ripetute le code e gli ingorghi di Pasquetta.

Al lavoro per sovrintendere all’afflusso continuo di veicoli, ieri varie squadre di parcheggiatori e pure personale di vigilanza con casacche gialle e palette in mano, incaricati di fermare il traffico per far passare i pedoni sul passaggio pedonale che dai parcheggi conduce all’ingresso del grande centro commerciale.

Nei due piani di negozi, tutti aperti con sconti dal 20 al 50 per cento, per festeggiare l’apertura, si è vista anche ieri tantissima gente: intere famiglie, coppie, gruppi di amici e giovanissimi attirati essenzialmente dalla novità rappresentata dal centro commerciale del gruppo Cório che ha aperto a Marghera pochi giorni prima di Pasqua. Non tutti acquistano, tanti gironzolano, guardano le proposte, puntano ai prezzi stracciati come quelli del design di Tiger.

Un 25 aprile di shopping, per tanti, insomma.

Ma, complice la bella giornata che invitava ad uscire di casa, non si sono registrati i disagi sul fronte della viabilità di Pasquetta.

Del resto ieri erano aperti praticamente tutti i centri commerciali attorno a Mestre. Il centralissimo “Le Barche” che ha aperto le porte ai cibi della salute e della cucina vegetariana. Aperti anche i concorrenti diretti della “Nave”, come Auchan e Valecenter e altri ipermercati di catene minori. Una giornata di lavoro per migliaia di addetti veneziani della grande distribuzione.

Diverso il panorama invece delle aperture della prossima festività, quella dell’1 maggio, festa del lavoro.

La “Nave de vero” ha deciso di tenere chiuso. E così dovrebbero fare anche Auchan, Valecenter e Coop (che ieri ha tenuto aperto a Marghera ma non a Carpenedo, per esempio) mentre, da fonti sindacali, pare certo resteranno aperti invece l’Outlet di Noventa di Piave e l’ipermercato Panorama di Marghera. Incerta la posizione del centro “Le Barche”: secondo i sindacalisti del commercio la struttura terrà aperto, ma il sito non lo evidenzia.

Da sottolineare pure che, mentre tantissimi approfittano dei giorni di festa per fare shopping al chiuso dei centri commerciali, aumenta il numero delle persone che, utilizzando i social network come Facebook, mandano a dire alle aziende della grande distribuzione che le festività si possono trascorrere anche con i centri commerciali chiusi, garantendo ai lavoratori una giornata di meritato riposo. Succede sulle pagine della “Nave de vero” ma anche del centro “Le Barche”, criticato ieri per l’apertura nella giornata del 25 aprile.

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui