Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Martellago. stasera consiglio

MARTELLAGO. «Gonfiati dal Comune di Martellago i calcoli della Superficie agricola utilizzata (Sau) per avere più aree da edificare». Questo il senso della mozione presentata nell’ultima seduta dal Movimento 5 Stelle, che punta il dito contro i numeri emersi dal Piano d’assetto del territorio (Pat).

Per i tre rappresentanti del Movimento, la giunta ha inserito 186 zone non agricole per un milione 241 metri quadrati, consentendo di avere una superficie più alta da trasformare, 175.585 metri quadri invece di 78.918. Ma per l’assessore all’Urbanistica Valerio Favaron i dati emersi sono errati.

«I calcoli fatti per il Pat» replica «hanno permesso di blindare il territorio. Se la mozione dovesse passare, le aree agricole ora tutelate diventerebbero urbane e si potrebbero trasformare oltre un milione di metri cubi, non i 175 mila. E questo sarebbe drammatico e devastante». E il sindaco Monica Barbiero ha spiegato come il documento abbia avuto il benestare anche di Provincia e Regione. Intanto oggi alle 20.15 si riunisce il parlamentino per approvare il rendiconto 2013. La seduta si potrà seguire anche in diretta streaming, entrando nel sito www.comune.martellago.ve.it.

(a.rag.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui