Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Un’altra giornata di passione ieri mattina sulla linea Portogruaro-Venezia

Code alle biglietterie in stazione a San Donà, interrogazione di Spessotto (M5S)

QUARTO D’ALTINO – Treni in ritardo anche ieri, stavolta a causa di un guasto alla stazione di Trieste. E poi code e disagi alle biglietterie, in particolare a quella di San Donà, con il caso che è finito anche in Parlamento a seguito di un’interrogazione della deputata Arianna Spessotto, del Movimento5 Stelle. Trascorso il periodo pasquale e dei «ponti» del 25 aprile e del Primo Maggio, sulla linea ferroviaria Venezia-Trieste è ripreso il quotidiano bollettino delle problematiche. Intanto stamattina si terrà la seconda riunione del costituendo Tavolo regionale dei pendolari, in programma stavolta a Vittorio Veneto. Mentre da lunedì scattano le prime modifiche al contestato orario cadenzato. Mattinata di ritardi. Disagi ieri mattina per i viaggiatori del Veneto Orientale a causa di un problema tecnico all’infrastruttura che si è verificato nella stazione di Trieste centrale. Il guasto si è verificato intorno alle 6.40 e ha causato rallentamenti. Come spiegato da Rete Ferroviaria Italiana, la regolare circolazione è stata ripristinata intorno alle 8.30, ma nel frattempo i treni in viaggio avevano registrato ritardi fino a 50 minuti. Ad esempio il regionale veloce 2684 Trieste-Venezia è giunto a Quarto con 40 minuti di ritardo. I disagi sono stati tutto sommato contenuti, visto che non hanno interessato i regionali lenti da e per Portogruaro. Modifiche all’orario. Intanto da lunedì scattano le prime modifiche, più volte annunciate, al contestato orario cadenzato. Due le novità. La prima riguarda l’anticipo del primo regionale del mattino, l’11100, che partirà da Portogruaro alle 4.13 anziché alle 4.38, con fermata a Quarto d’ Altino alle 4.52, così da arrivare a Venezia alle 5.25 e consentire ai turnisti di essere prima delle 6 al lavoro. È prevista, inoltre, l’introduzione di una coppia di nuovi regionali lenti. Verso il capoluogo, si tratta del regionale 11124 con partenza da Portogruaro alle 12.06, arrivo a Quarto alle 12.45 e a Mestre alle 13.04. In direzione opposta il regionale 11129 partirà da Mestre alle 13.57, per giungere a Quarto alle 14.13 e a Portogruaro alle 14.55. Code alla biglietteria. La deputata Arianna Spessotto (M5S) ha presentato un’interrogazione al ministro dei Trasporti,dopo i disagi registrati alla biglietteria della stazione di San Donà. «Forse non tutti sanno che il sistema di prenotazioni di biglietti di Trenitalia è stato di recente sostituito con un nuovo software che sta creando gravi disagi ai viaggiatori, costretti ad acquistare i biglietti alle macchinette elettroniche pur di non fare file chilometriche agli sportelli», ha spiegato Spessotto, «proprio qualche giorno fa a San Donà, un cartello affisso allo sportello ferroviario suggeriva ai viaggiatori di recarsi alle biglietterie automatiche per l’emissione dei titoli di viaggio, al fine di evitare la formazione di code causate dalle anomalie del nuovo sistema in uso».

Giovanni Monforte

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui