Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

«Ridateci un luogo sano è l’ultima occasione»

A Spinea il dramma degli abitanti della Fossa: inquinamento e rumore

SPINEA «Queste riunioni sono l’ultima possibilità per risolvere i problemi di inquinamento e rumore nella zona della Fossa di Spinea. Dovessero fallire, allora potremmo bloccare anche il traffico in via Costituzione o scegliere altre forme di protesta». Roberto Tozzato, rappresentante del comitato «La Fossa», è stufo. In questi annii, specie dall’apertura del Passante (febbraio 2009) gli hanno promesso tutto e mantenuto niente. Nella zona continuano a mancare del tutto le famose “aree verdi di compensazione” e le barriere antirumore fanno ridere; a questo aggiungiamo il “buco” all’altezza della rotonda dove l’autostrada scende in galleria e che fa da grancassa. Negli ultimi tempi ci sono state delle riunioni tra enti interessati e cittadini; alla fine si è deciso di istituire un gruppo di lavoro che dovrà partorire un progetto in grado di ridurre le polveri sottili e il frastuono. Vi faranno parte la Provincia, l’Anas, Concessioni autostradali venete (Cav), società Passante di Mestre, Asl 13, Arpav e lo stesso comitato «La Fossa». «Siamo davvero all’ultima possibilità», rimarca Tozzato «perché ai problemi sono interessate 4 mila persone. Questa zona è molto popolata e se da questa nuova iniziativa non si arriverà a un vero progetto per fine anno, allora porteremo avanti altre iniziative. Bloccare il traffico? Non è da escludere. Siamo preoccupati per la salute nostra e dei nostri figli». Le questioni aperte sono le stesse da oltre cinque anni, che rischiano di aggravarsi con la fine dei lavori in via Costituzione. Da qui l’ultimatum, che assomiglia a un invito a fare qualcosa in tempi rapidi. «Sono mancate le opere verdi lungo l’autostrada», continua Tozzato, «e a gennaio 2012 avevamo presentato un esposto alla Procura per avere le mitigazioni. Sul Passante transitano camion, anche di notte, ma qui è stato fatto poco o nulla». Insomma, il tavolo tecnico diventa l’ultima possibilità per trovare una soluzione a un problema che si fatica a risolvere. «Chiediamo un progetto efficace da un punto di vista tecnico » «e da fare prima che l’allargamento di via Costituzione sia completato. A quel punto, questa strada potrà supportare più traffico, cambierà di categoria, i livelli di rumore potranno salire e ci troveremo in mezzo al caos. Già abbiamo subito un deprezzamento delle case e viviamo in punto inquinato. Inoltre si parla anche di nuovi fabbricati e aree produttive da costruire lungo l’autostrada. Chiediamo solo di poter vivere una vita normale».

Alessandro Ragazzo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui