Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

LA POLEMICA

VENEZIA – E a Venezia quando? Il portavoce del Movimento 5 Stelle al Senato, Enrico Cappelletti, commenta gli arresti nell’ambito dell’inchiesta per l’Expo a Milano chiedendosi il motivo per cui non vi siano stati analoghi provvedimenti anche «per le grandi opere in Veneto». E spiega. Mentre a Milano gli investigatori «sono alacremente all’opera», a Vicenza, «per il caso del nuovo tribunale che coinvolge il gruppo Maltauro e il gruppo Gavio pare che il tempo si sia fermato». Non solo: «Spostandosi di pochi chilometri, come mai tutto tace sul cosiddetto “sistema Venezia”?». Cappelletti si riferisce alle inchieste sugli appalti che portarono un anno fa ad arresti eccellenti e polemizza con la Procura, chiedendo se abbia «intenzione di prendere qualche provvedimento per permettere ai veneti di sapere prima, e non dopo le elezioni regionali, se c’è qualche big della politica o della imprenditoria regionale da mettere alla porta?».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui