Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Montebelluna “Stazione da terzo mondo”

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

10

mag

2014

LA PROTESTA – Pendolari stanchi e indignati

MONTEBELLUNA – Una stazione ferroviaria da terzo mondo. È quello che si merità il capoluogo montelliano? Se lo chiedono da tempo i pendolari (studenti e lavoratori) che quotidiamente tra mille difficoltà usufruiscono del servizio pubblico che tra le altre cose pagano anche profutamente. La stazione ferroviaria di Montebelluna, è sotto gli occhi di tutti, sta assumendo il volto di quelle rese celebri in film Western. Un tempo non tanto remoto una delle opere di manutenzioni primarie era quella di ripulire le rotaie dalle erbacce con appositi accorgimenti, calce bianca per bruciare le sterpaglie. A fare questa operazione erano gli addetti delle ferrovie dello stato che provvedevano anche a sistemare i bagni e a pulire le sale d’attesa. «Ora la manutenzione ordinaria -argomenta un pendolare- è completamente sparita o svolta parzialmente in quanto affidata in sub appalto ad aziende che hanno vinto l’appalto. I binari sono aggrediti dalle sterpaglie e anche il sottoppassaggio per accedere ai binari 2 e 3 non è che sia il massimo della vita con tutte le scritte e i graffiti incivili che imbrattano le pareti.. Permangono ovviamente i disagi sempre più frequenti per i continui ritardi dei treni, sempre più obsoleti e a rischio, soprattutto quelli provenienti da Padova che mettono in difficoltà diverse famiglie. Per non parlare delle biglietterie di treni e corriere che spesso hanno orari non confacenti alle necessità degli utenti. Vogliamo fare qualcosa per rendere dignitosa la nostra stazione? Un gruppo di pendolari si sta attivando a tale proposito sperando che il loro grido di protesta venga recepito. Paghiamo il biglietto e vogliamo un adeguato servizio».

Luciano Beltramini

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui