Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – La Riviera reclama il suo collegio

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

11

mag

2014

I dieci Comuni dicono basta alla frammentazione elettorale: «Danneggia il territorio»

«Vogliamo che gli eletti portino in Parlamento i problemi locali»

PROPOSTA – La Riviera del Brenta con i suoi dieci comuni vuole essere unita in un nuovo collegio elettorale

«Dieci comuni, una Città».
La Riviera del Brenta con i suoi dieci comuni vuole essere unita in un nuovo collegio elettorale e nella città metropolitana.
Attualmente il territorio è frammentato e diviso in tre differenti collegi elettorali: Venezia, Chioggia e Miranese.
«Il territorio deve essere dotato di una struttura politica unitaria e identificabile, oggi purtroppo carente, in grado di rappresentare in maniera significativa e autorevole i molteplici interessi del territorio»
Il documento inviato al presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi, ai deputati veneti e ad altri organi politici ed amministrativi, è stato sottoscritto da vari esponenti politici ed amministrativi della Riviera del Brenta e, in attesa delle decisioni di altri comuni, è già stato votato in Consiglio comunale da Fossò, Campolongo Maggiore e Camponogara. Ieri pomeriggio a Fossò c’è stata in proposito una riunione organizzata dal Partito Democratico dei circoli della Riviera del Brenta, alla quale hanno partecipato i sindaci di Fossò e Campolongo Maggiore, vari consiglieri comunali, esponenti di attività produttive ed economiche del territorio, avvocati, l’associazione artigiani Piccola Impresa «Città della Riviera del Brenta», il segretario provinciale del PD Marco Stradiotto e l’onorevole Alessandro Naccarato, componente della Commissione Affari Costituzionali
«Il territorio vuole esprimere la propria preferenza ed eleggere candidati di questo territorio, in maniera tale che portino avanti in Parlamento le problematiche e le caratteristiche socio-economiche-amministrative locali», ha detto Naccarato durante la riunione. Insomma il sasso è stato lanciato.

Vittorino Compagno

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui