Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Mira. “Divido il distretto sanitario”

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

17

mag

2014

MIRA – Il sindaco gioca l’ultima carta per evitare lo “scippo” da parte di Dolo

La ricetta di Maniero: «Due sedi: una a villa Lenzi, l’altra in piazza Mercato»

IL SINDACO       «Inutile aspettare 2 milioni dalla Regione»

Maniero: «la Regione non ce li darà, e senza risorse non possiamo pensare ad un distretto ex novo come quello ipotizzato in via Toti»

«Il distretto sanitario di Mira ripartito in due sedi, una a Mira in villa Lenzi e l’altra a Oriago in Piazza Mercato». Questa la ricetta del sindaco di Mira Alvise Maniero per garantire il mantenimento del distretto a Mira anche senza i due milioni di euro necessari per realizzare la nuova struttura inizialmente prevista in via Oberdan all’angolo con via Toti.
Questo mentre la sindaca di Dolo Maddalena Gottardo si è detta pronta a «far partire un nuovo Distretto nelle aule dell’ex Tribunale di Dolo» e il Pd di Mira è impegnato in una capillare raccolta firme con i gazebo per sostenere il mantenimento del distretto sanitario a Mira.
«Sono sorpreso – commenta Maniero – Nell’ultima Conferenza dei sindaci dell’Asl 13 all’unanimità i colleghi hanno concordato di concedere a Mira ancora un po’ di tempo per trovare una soluzione che miri a mantenere a Mira il distretto sanitario. Entro fine anno dobbiamo presentare alla Conferenza e all’Asl 13 un progetto concreto». Il progetto sta prendendo forma e la prossima settimana il sindaco di Mira incontrerà sia il direttore dell’Asl 13 Gino Gumirato che il costruttore responsabile della lottizzazione in piazza Mercato a Oriago dove potrebbero trasferirsi parte dei servizi oggi ospitati in villa Lenzi.
«Inutile attendere i 2 milioni di euro – avverte Maniero – la Regione non ce li darà, e senza risorse non possiamo pensare ad un distretto ex novo come quello ipotizzato in via Toti. Per questo stiamo ipotizzando di dividere i servizi del distretto sanitario di Mira in due sedi, parte resteranno in villa Lenzi e una parte verrà trasferita a Oriago».
Nella lottizzazione in piazza Mercato oltre ad un area residenziale c’è una parte di cubatura destinata ad uso pubblico, anni fa si ipotizzava a straferire la caserma dei carabinieri di Oriago, oggi chiusa, o realizzare un poliambulatorio.
«Noi invece intendiamo trasferire alcuni servizi del distretto – spiega Maniero – Un’operazione che potrebbe avere dei costi molto più ragionevoli dei 2 milioni di euro previsti per un nuovo distretto e tempi più certi».

Luisa Giantin

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui