Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Il consiglio di municipalità del Lido e Pellestrina chiede che il sindaco Orsoni blocchi la vendita dell’isola di Poveglia e il Comune di Venezia eserciti il diritto di prelazione. Una richiesta formulata attraverso due ordini del giorno distinti che il consiglio municipale presieduto da Giorgio Vianello ha approvato in modo plebiscitario.
Entrambi i documenti dicevano, a grandi linee, la stessa cosa, ma gli ordini del giorno sono rimasti due, perchè non si è riusciti a trovare la convergenza su un unico testo. Così per la maggioranza di centrodestra è passato quello proposto da Alessandra Zennaro (Pdl), per la minoranza di centrosinistra quello portato avanti da Paolo Povolato (Pd). Tutti e due hanno avuto tutti i voti favorevoli, ad eccezione dell’astensione di Natale Nini Vianello (Fratelli d’Italia), che si è astenuto non perchè non condividesse il senso della richiesta ma in segno di critica per non essere giunti a un documento unico che mettesse tutti d’accordo. Nel tentativo di trovare una sintesi si è anche arrivati a sospendere la seduta, ma ogni tentativo è fallito. Una posizione importante quella della municipalità del Lido, anche perchè formalmente l’isola di Poveglia entra nella giurisdizione della stessa municipalità.

(L.M.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui