Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Per quattro domeniche e due sabati strade chiuse alle auto per permettere ai turisti di visitare quattro dimore storiche nell’atmosfera di un tempo

MIRA – Isole pedonali per poter visitare il patrimonio artistico mirese, soprattutto delle due principali frazioni del comune. È l’iniziativa che mette in campo il comune di Mira in Riviera Matteotti a Mira Taglio e in Riviera S. Pietro a Oriago in occasione degli appuntamenti mensili con “Di Villa in villa”, la proposta di visita coordinata a quattro ville (Venier, Villa dei Leoni, Valier e Valmarana), in bicicletta, barca o carrozza, organizzata dalla Pro Loco Mira. L’iniziativa è pensata per ricreare al meglio l’atmosfera di un tempo, quando il traffico non la faceva da padrone. Per quattro domeniche e due sabati, da maggio a ottobre, via Matteotti a Mira (nel tratto da piazza IX Martiri a Piazza S. Nicolò) e Riviera S. Pietro a Oriago (da piazza Mercato a via Sabbiona) saranno chiuse al transito dei veicoli. Lo scorso anno molti erano stati i visitatori e i turisti che avevano approfittato di questo originale “pacchetto” con possibilità di scegliere anche il mezzo con cui spostarsi (l’auto, la bicicletta, la carrozza, o l’imbarcazione). La limitazione della circolazione è prevista per domenica 25 maggio e domenica 22 giugno (dalle 9 alle 19), sabato 12 luglio (dalle 13 alle 23), domenica 24 agosto e domenica 19 ottobre (dalle 9alle 19), sabato 20 settembre (dalle 13alle 23). A Oriago in Riviera S. Pietro sarà comunque consentito il traffico in sola uscita dalle strade laterali. Dalle limitazioni sono esclusi i frontisti, i mezzi di soccorso e di pubblica sicurezza, i mezzi Actv, i portatori di handicap. Soddisfatto il presidente della Pro Loco Michele Campalto. «La creazione di due isole pedonali» spiega Campalto «permette di valorizzare iniziative turistiche che poi hanno ricadute anche di livello economico sul territorio» .

Alessandro Abbadir

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui