Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Grandi navi, un esposto per la trasparenza

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

24

mag

2014

Un esposto alla magistratura per chiedere «trasparenza negli atti amministrativi». Lo annunciano i consiglieri della lista «In Comune» Beppe Caccia e Camilla Seibezzi «se il governo non renderà noti al più presto con la pubblicazione on line tutti i pareri che riguardano i progetti alternativi presentati sulle grandi navi». «È inquietante che siano stati nascosti i pareri positivi al progetto De Piccoli, che prevede di allontanare le navi dalla laguna», scrive Caccia, «mentre vanno avanti progetti distruttivi per la laguna come lo scavo di nuovi canali, a cominciare dal Contorta proposto dalle lobby». Un giallo denunciato prima dal senatore Casson, con una interrogazione al governo, poi dallo stesso De Piccoli. «I pareri sui progetti alternativi non sono mai stati resi noti ». Una questione su cui si è espresso anche il sindaco Orsoni: «Solo grazie alla nostra diffida e all’insistenza del Comune », ribadisce, «il governo ha ritenuto di convocare il Comitatone e di distribuire la documentazione completa». Per il Comune la soluzione migliore resta quella di Marghera, con l’ormeggio «provvisorio» delle navi troppo grandi nel canale Brentella. Mentre i comitati insistono perché le navi incompatibili restino fuori della laguna. Giovedì a mezzogiorno un gruppo di aderenti al comitato è salito sul campanile di San Marco e ha srotolato uno striscione verticale, lungo quasi settanta metri. Fuori le grandi navi dalla laguna». Una grande manifestazione è stata convocata per il 7 e l’8 giugno, in corrispondenza dell’arrivo di alcuni «giganti del mare». «Le nostre assemblee, affollate di cittadini», dicono i portavoce dei comitati, «hanno deciso la più dura opposizione a nuove opere inutili e devastanti come lo scavo di canali che creerebbero danni irreversibili per la laguna. Il 7 e l’8 giugno lo grideremo al mondo».

(a.v.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui