Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Il sindaco Manildo firmerà una dichiarazione d’intenti con il collega mantovano di Ostiglia per promuovere l’asse viario che unisce le due località

TREVISO – Il Comune si è impegnato a risistemare al più presto quell’ultimo tratto mancante nel suo territorio, da Canizzano alla città. Intanto la Treviso-Ostiglia, vecchia ferrovia militare trasformata in percorso ciclo-pedonale (nel complesso sono stati riportati a nuova vita 40 chilometri su 117), si concede domani una giornata di festa battezzata “Move T-O day”. Momento clou, almeno dal punto di vista simbolico, la firma della dichiarazione d’intenti, alle 11.30, sotto porta Santi Quaranta, tra il sindaco Giovanni Manildo e il suo collega della cittadina mantovana all’altro capo del tracciato. Obiettivo, rinverdire il legame storico tra le due comunità e promuovere lo sviluppo dell’asse che le unisce. E che può diventare anche volano turistico: dove la pista è operativa, le prenotazioni alberghiere sono aumentate del 16-18%. Prima e dopo la cerimonia ufficiale, una serie di iniziative con filo conduttore l’attività fisica. «La definirei una provocazione culturale -rimarca Ofelio Michielan, assessore comunale allo sport- Usiamo il nostro territorio per fare qualcosa insieme». Ecco allora le camminate con gli scolari del Pedibus, per gli appassionati di nordic walking, la prima gara podistica «Tra l’Ostiglia e il Sile», un giro in bicicletta di 20 chilometri, i percorsi alla scoperta delle Restere, perfino l’«ultimo miglio» compiuto in kayak.

(mz)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui