Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

PROTESTA – I cittadini di Riviera e Miranese pagano a Veritas indici Istat diversi rispetto al Comune di Venezia

MIRA – Sui pagamenti relativi agli indici Istat

I cittadini di Riviera e Miranese pagano a Veritas indici Istat diversi rispetto al Comune di Venezia ed il sindaco di Mira Alvise Maniero scrive una lettera di protesta a Veritas. «Sono sconcertato – dichiara Maniero – i cittadini di Riviera e Miranese, con gli indici ISTAT attuali, pagherebbero circa mezzo milione di euro in più rispetto all’ipotesi dell’«indice metropolitano” del 2,6% da noi richiesto in adeguamento al Comune di Venezia, che invece ci è stato negato”. Maniero insieme agli atri 16 sindaci della Riviera e del Miranese, ex azionisti ACM ed ora azionisti Veritas avevano chiesto a Veritas che i piani finanziari della Società, della quale sono soci, fossero redatti applicando lo stesso indice Istat che attualmente è applicato a Venezia, uniformandolo quindi al criterio della città Capoluogo della Città Metropolitana. «Venezia – spiega infatti Maniero – apparentemente gode di un regime di adeguamento più vantaggioso avendo indici Istat più bassi dei nostri, ossia: 2,6% ulteriormente ridotto per »recupero produttività” ad un 1,2%, contro il nostro «carissimo» 4,79%. Apparentemente due indici e due misure”. Veritas però ha risposto «picche» ai sindaci. «Ci hanno risposto che il sistema sarebbe però meno »corretto in termini di legge e giurisprudenza vigente” rispetto al nostro attuale – spiega Maniero – e che anche per questo l’azienda non adempirà alla nostra richiesta almeno fino al bilancio consuntivo, quindi a fine anno, anziché subito, come credo dovrebbe. Ma allora – chiede il primo cittadino di Mira – se tale sistema ed il suo indice «scontato» rispetto al nostro non è corretto, legale o opportuno, perché la città di Venezia, in esclusiva con pochi altri, continua a beneficiarne?”.

(l.gia.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui