Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

FUSINA – A pochi giorni dall’apertura del nuovo terminal per i traghetti a Fusina, alcuni consiglieri della Municipalità di Marghera puntano il dito sulla mancanza di sicurezza per la viabilità di accesso alle banchine d’imbarco e sbarco. In particolare l’incrocio di via dell’Elettronica con via Malcontenta – secondo il consigliere di maggioranza Antonio De Dea – è «inadeguato a gestire l’inteso passaggio di camion ». In proposito, nei giorni scorsi il presidente della Municipalità, Flavio dal Corso, aveva dichiarato: «L’Autorità Portuale e la Provincia debbono fare in fretta. Ora che il nuovo terminal di Fusina è entrato in attività con l’attracco della primanave, è importante che siano realizzate le opere viarie collegate e previste: il raddoppio di via dell’Elettronica a servizio del Porto non basta, va realizzato in dodici mesi lo svincolo di via Malcontenta». Il portavoce della delegazione di Zona Dario Giglio e il vicepresidente della Municipalità Bruno Polesel , hanno chiesto un incontro urgente con il Comune e l’assessore ai lavori pubblici per completare rapidamente le previste pere di viabilità complementare legate all’approvazione dell’Accordo per il Vallone Moranzani. Come se non bastasse, con il ritorno del beltempoe i giardini a ridosso del Terminal di Fusina sono stati presi d’assalto residenti sia da Marghera che dalla Riviera del Brenta, in vena di prendere un po’ di sole, tra i quali sono scoppiate liti per le auto in sosta in doppia e tripla fila. Liti anche a causa anche di chi le lascia li tutta la giornata e va in battello agli Alberoni. «La Municipalità di Marghera – assicura il delegato ai Lavori Pubblici, Valdino Marangon – è intenzionata ad intervenire per evitare che la situazione degeneri».

(a.ab.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui