Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

DOLO – Non si placano le polemiche sul Pati (piano assetto territoriale intercomunale) Dolo – Fiesso. Dopo il terzo rinvio consecutivo del consiglio comunale che doveva adottare il provvedimento e l’annuncio del sindaco Maddalena Gottardo di voler chiedere al difensore civico regionale la nomina di un commissario “ad acta”, il consigliere comunale Giovanni Fattoretto (Lega Nord) ha scritto al Prefetto, alla Corte dei Conti, all’assessore regionale Luca Coletto e alla conferenza dei sindaci. La questione riguarda il futuro dei terreni dell’ospedale di Dolo: «Nell’ultimo Consiglio comunale», spiega, «ho presentato il Legato Guolo, testamento redatto nel 1852 da Antonio Guolo che donava dei terreni con vincolo di inalienabilità per la creazione dell’ospedale di Dolo conosciuto come Villa Massari. La conseguenza è che l’ospedale di Dolo è divenuto proprietario dei terreni Guolo con vincolo di inalienabilità». Fattoretto attualizza la vicenda. «Nell’attuale Pati si prevede invece un cambio di destinazione d’uso dell’area adibita da 162 anni ad ospedale. Per questo ho chiesto l’interessamento del Prefetto, della Corte dei Conti, dei sindaci e della Regione».

Giacomo Piran

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui