Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

CAMPOLONGO MAGGIORE – Due appuntamenti sugli argini del fiume Brenta per tenere vivo il problema della sicurezza idraulica. Li ha organizzati il Comitato Intercomunale Brenta Sicuro il prossimo 5 luglio. Alle 10.30 il primo incontro si terrà presso la sede municipale di Codevigo (Pd), con un successivo spostamento in un punto critico arginale già concordato con il sindaco locale Annunzio Belan.
Alle 11.30 la manifestazione si sposterà a Campolongo Maggiore, dove sarà visitato un ulteriore tratto arginale con problemi di tenuta, già segnalato alle competenti autorità dal locale sindaco Alessandro Campalto. Lo scopo dell’iniziativa è di segnalare, con la presenza dei sindaci, Protezione civile, comitati e cittadini, le frane e i cedimenti in atto che stanno creando parecchia apprensione tra i residenti delle due zone.
Le dichiarazioni dei due sindaci,congiuntamente a materiale fotografico e filmati dei luoghi, saranno successivamente trasmessi al Genio civile, alla Regione del Veneto e al Consorzio Bacchiglione. Al termine delle visite, sindaci, membri del Comitato Intercomunale Brenta sicuro e cittadini saranno ospiti in una speciale trasmissione televisiva ripresa da varie emittente locali. «Oltre alle grandi opere – fa presente il presidente di “Brenta Sicuro”, Marino Zamboni – riteniamo fondamentale porre anche l’attenzione sulle piccole ma grandi problematiche create dalla mancanza di manutenzione delle rive dei fiumi. Problemi non secondari, considerato che anche il Presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, ha definito i nostri fiumi “autentiche bombe ad orologeria”».

(v.com.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui