Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

DOLO – È scaduto ieri il termine entro cui i Comuni della Riviera dovevano comunicare al ministero della Giustizia se in grado di sostenere con proprie risorse i costi dell’ufficio del giudice di pace di Dolo. Il decreto ministeriale permetteva di mantenere aperte le sedi periferiche dei giudici di pace con l’obbligo per i Comuni del mandamento di sostenerne i costi. Per Dolo erano circa 134 mila euro l’anno, di cui 95 mila per il personale (tre dipendenti), suddivisi tra i Comuni rivieraschi a seconda della popolazione. I Comuni però, come più volte detto nei mesi scorsi e come confermato la scorsa settimana dal vicesindaco di Dolo Giuliano Zilio, nonostante la volontà di mantenere la sede a Dolo non possono far fronte alla spesa a causa dei vincoli del patto di stabilità. Non avendo comunicato quindi entro il termine previsto la disponibilità di sostenere i costi partirà, ameno dell’eventuale concessione di una deroga che però deve essere chiesta dai Comuni, l’iter per la chiusura del giudice di pace che sarà riunito alla sede centrale. L’ufficio giuridico dolese dovrebbe rimanere aperto fino a fine ottobre per trattare le udienze già fissate.

(g.pir.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui