Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

DOLO – Oggi l’azienda dei trasporti effettuerà un sopralluogo all’altezza di Ca’ Tron

«Siamo preoccupati per la sicurezza delle fermate Actv lungo la Regionale 11 – Brentana con l’ormai prossima apertura della bretella e della rotatoria di Cà Tron». Luca Scalabrin presidente dell’Actv ha annunciato per questa mattina un sopralluogo con i tecnici sulla Brentana all’altezza nella nuova lottizzazione di Cà Tron a Dolo dove sarà aperta prossimamente una nuove bretella verso Roncoduro con annessa rotatoria. Al centro dell’attenzione soprattutto le due fermate in prossimità del ristorante La Posta e lungo il Naviglio particolarmente frequentate dagli studenti che frequentano gli istituti superiori di Dolo ma anche da lavoratori pendolari che si recano a Mestre, Venezia o Padova. «Le modifiche alla viabilità lungo la Regionale 11 – spiega il presidente dell’Actv nominato un anno fa dall’allora sindaco di Venezia Giorgio Orsoni – rischiano di compromettere la sicurezza sulle fermate delle linee Actv che transitano lungo la Brentana. Nei mesi scorsi abbiamo modificato alcune linee portandole direttamente dentro il nuovo quartiere di Cà Tron ma nella nuova rotatoria sembra non ci sia spazio per garantire le manovre degli autobus extraurbani, soprattutto quelli più lunghi utilizzati nelle ore di punta». Insomma Actv è preoccupata delle problematiche tecniche inerenti la nuova viabilità. «Non vorremmo – evidenzia il presidente Actv – che a lavori concluse, da parte di Veneto Strade, si scoprisse poi che le fermate delle linee del servizio di trasporto debbano essere modificate o addirittura spostate. Per questo – sottolinea Scalabrin – di nostra iniziativa abbiamo organizzato un sopralluogo con i nostri tecnici Actv per verificare che le condizioni di sicurezza per i nostri utenti vengano rispettate nella nuova viabilità».

(l.gia.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui