Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

SPINEA – Tempo tre giorni e si formerà il Consiglio della nuova Unione dei Comuni del Miranese. Mancano all’appello i Comuni di Santa Maria di Sala, Spinea e Martellago, che hanno convocato i rispettivi parlamentini tra oggi alle 18.30 (il primo) e giovedì alle 19 (i restanti due). Si andranno ad aggiungere alle nomine fatte di recente da Mirano, Noale e Salzano, che formano il sestetto del nuovo ente nato meno di due settimane fa. Dei sette del Miranese si è chiamata fuori Scorzè che non si è detta interessata al progetto. Come da statuto, ciascun Comuneha il diritto di essere rappresentato da tre consiglieri, almeno uno della minoranza. Questi andranno ad aggiungersi a Giorgio Barbato (Udc), Tommaso Politi (Pd) e Martina Pasqualetto (Movimento 5 Stelle) per Mirano; Davide Boschin (Pd), Annamaria Tosatto (La Forza dei Noalesi) e Michele Celeghin (Noalesi al centro) per Noale; Andrea Pellizzon ed Elisa Zanin (entrambi della lista Il Tuo Paese Vivo) e Giuliano Stevanato (Lega) per Salzano. Una volta costituito il Consiglio, toccherà eleggere la presidenza che, a turno, sarà ricoperta da uno dei sindaci.

(a.rag.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui