Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

MIRA “La bretella di collegamento fra la Brentana e la A4 in via Valdarno fra Oriago e Borbiago è stata consegnata al comune di Mira e alla Provincia lo scorso 23 luglio. La strada è completa e i lavori hanno subito un ritardo di un mese dalla presa in consegna di Veneto Strada, non addebitabili alla stessa”. A precisare questa posizione è la stessa direzione di Veneto Strade che riassume i recenti passaggi dell’opera. “I lavori sulla strada », spiega la direzione, «sono terminati a fine giugno, si sono protratti per altre due settimane per le ultime rifiniture. Il 23 luglio il verbale di consegna della bretella e dei percorsi ciclabili è stato consegnato agli uffici della provincia di Venezia e del comune di Mira. Spetta infatti a questi due enti decidere l’apertura della strada, perché, una volta terminati i lavori, Veneto Strade consegna gli atti agli enti che la gestiranno come da codice della strada. Se ci sono dei ritardi bisogna chiederlo, pertanto alla Provincia di Venezia e al comune di Mira. La strada dunque è completa”. Veneto Strade precisa poi che “i lavori sono stati presi in consegna a dicembre 2011. Il contratto prevedeva che terminassero a maggio 2014. Sono terminati a fine giugno con un mese di ritardo”.

(a.ab.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui