Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

A Dolo.

DOLO – L’Università di Ca’ Foscari punta sulla Riviera. Dopo una collaborazione biennale con l’Unione dei Comuni della “Città della Riviera del Brenta” che ha trasformato “Le delizie della Brenta” nella App più scaricata del territorio, Ca’ Foscari inaugura uno spin-off del dipartimento di Economia del Turismo che ospiterà il primo Dmo (Destination management organization) della Riviera a Dolo. Sarà una sorta di cabina di regia per la progettazione turistica del territorio, fungerà da acceleratore del sistema turistico della Riviera sostenendo l’attuazione di progetti come l’apertura dell’ecomuseo (che precedentemente si trovava in villa Principe Pio a Mira) in capo all’Unione dei Comuni. Il Dmo mirerà a reperire risorse aggiuntive attraverso bandi europei per sostenere le proprie attività. Sarà supportato da un “Laboratorio di idee”, un incubatore di idee sul tema dell’innovazione turistica, che coinvolgerà un bacino scolastico di quasi 3500 studenti, iscritti negli istituti superiori presenti a Dolo, e provenienti da 37 comuni delle provincie di Venezia e Padova. La gestione delle nuove realtà culturali e turistiche sarà in collaborazione con il Centro Studi Riviera del Brenta.

(a.ab.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui