Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Oriago. Ieri lunghe attese in via Ghebba. I residenti: «D’ora in poi andrà meglio»

MIRA – È stata finalmente aperta ieri a mezzogiorno a Mira la bretella di collegamento fra la A4 e la Brentana. «Finalmente» spiegano i residenti «il traffico di attraversamento diretto all’autostrada che finora doveva passare per il centro di Oriago verrà deviato lungo la bretella a scorrimento veloce e alla fine si creeranno meno ingorghi ». Ieri mattina intanto, proprio a Oriago in via Ghebba, la viabilità è andata in tilt per il passaggio uno di seguito all’altro di tre treni sulla linea Mestre – Adria. «Le auto per raggiungere la camionabile 81 o la Brentana» hanno detto alcuni automobilisti in coda «hanno dovuto aspettare anche 40 minuti. Speriamo che con l’apertura della nuova bretella queste code non si verifichino più o per lo meno ci sarà un’altra strada a disposizione per arrivare al casello della A4». I lavori della bretella erano iniziati nel 2011 con la promessa che sarebbero durati 18 mesi. La bretella è stata consegnata al Comune di Mira e alla Provincia lo scorso 23 luglio. I due enti però non hanno aperto la bretella, spiegando che vi erano delle difficoltà burocratiche. A quel punto Veneto Strade ha assunto la gestione temporanea della bretella. Nonostante l’apertura, la segnaletica provvisoria segnava che la strada era ancora chiusa. «Faremo rimuovere» spiega il comandante dei vigili Mauro Rizzi «la segnaletica sbagliata e per qualche giorno controlleremo che tutto fili per il verso giusto ».

(a.ab.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui