Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Marghera. Vertenza Eni sciopero a oltranza.

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

6

ago

2014

PORTO MARGHERA »LA CHIMICA CHE NON RIPARTE

«Nessuna tregua, sciopero a oltranza»

I sindacati contestano il verbale firmato al ministero: «Bloccheremo la pipe-line finché Versalis non riavvierà il cracking»

«Stavolta non dobbiamo farci ingannare, sarà sciopero a oltranza », hanno urlato ieri i lavoratori di Porto Marghera – sopravvissuti alle chiusure di interi cicli produttivi degli ultimi vent’anni – durante l’assemblea del coordinamento dei delegati sindacali delle Rsu di tutto il Petrolchimico. Al termine della riunione i delegati hanno deciso di continuare lo sciopero della movimentazione (via nave e pipe-line) di etilene e propilene «finché i vertici di Eni e della controllata Versalis non riavvieranno, come era previsto, l’impianto del cracking di Porto Marghera». Lo sciopero è cominciato la scorsa settimana, dopo la firma di un verbale al ministero dello Sviluppo, in cui Eni conferma gli investimenti e il futuro della bioraffineria di Porto Marghera (già riconvertita riducendo della metà i poco più di 300 dipendenti che aveva), ma non indica una data per il riavvio dell’impianto del cracking (fermo da mesi e per il quale era previsto il riavvio il 18 agosto prossimo) che produce etilene, propilene e altri sottoprodotti chimici, inviati come materie prime, via nave o con la pipe-line collegata ai petrolchimici Mantova, Ravenna e Ferrara. Lo sciopero per ora è «a giorni alterni» con blocchi della “pipe line” e del carico delle navi cisterna, maieri nella riunione tenutasi nel Capannone del Petrolchimico, è stato detto che se l’Eni non chiarirà al più presto il destino di Versalis a Porto Marghera «i blocchi saranno inaspriti »,anche a costo di costringere i petrolchimici emiliani – collegati via pipe-line sotterranea – a fermare l’attività per mancanza di materia prima. A Ferrara, un impianto produttivo di Versalis è già stato fermato e presto potrebbe succedere la stessa cosa a Mantova (dove la Basel trasforma il propilene in plastica) e a Ravenna. In un comunicato stampa diffuso dopo la riunione in Capanne, le segreterie territoriali dei chimici di Cgil, Cisl, Uil e le Rsu, si dicono «fortemente preoccupati per quanto emerso dall’incontro svoltosi al ministero dello Sviluppo il 31 luglio, nel corso del quale non sono state date risposte sul futuro del sito Porto Marghera e per l’attuazione dell’accordo siglato il 10 febbraio scorso» che prevede nuovi investimenti per la chimica verde. «Il verbale di accordo e il successivo comunicato delle segreterie nazionali con la prevista discussione a settembre e la sospensione di tutte le iniziative di mobilitazione», aggiungono i lavoratori e i sindacati veneziani, «non sono in linea con quanto discusso e richiesto a livello sindacale locale. Nel verbale del Mise ci sono sicuramente risposte positive per Gela e per la raffineria di Venezia mentre per l’impianto cracking di Porto Marghera manca ogni tipo di garanzia e di continuità produttiva ». «Ribadiamo con forza», continua il comunicato sindacale, «la necessità di convocare urgentemente un tavolo con i vertici dell’Eni e di Versalis per discutere del futuro del Petrolchimico di Porto Marghera e il riavvio del cracking». Con queste parole i lavoratori veneziani non hanno intenzione di rispettare la tregua sancita nel verbale sottoscritto a Roma la scorsa settimana e rilanciano: «Serve una profonda discussione a livello nazionale per cui è necessario, in tempi brevi, convocare un coordinamento dei delegati che faccia chiarezza sui piani di Eni per l’industria chimica ed analizzi i danni che il non riavvio del cracking potrebbe causare anche ai siti di Mantova, Ravenna e Ferrara».

Gianni Favarato

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui