Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – “Nuova Romea, conti da rifare”

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

8

ago

2014

GRANDI OPERE – Nel mirino di “Opzione Zero” i costi della superstrada a pedaggio

Due giorni di mobilitazione a settembre contro l’autostrada

COSTI – Nel mirino dei comitati i costi della Nuova Romea

Opzione Zero, il comitato rivierasco che da più di dieci anni si batte contro la “Romea Commerciale” esprime grande soddisfazione per l’ennesima battuta d’arresto subita dal progetto Orte-Mestre, ma non canta vittoria e preannuncia due giornate di mobilitazione. «Il rilievo della Corte dei Conti riguarda in particolare l’impossibilità di utilizzare gli 1,8 miliardi di euro di defiscalizzazioni previste nel Piano finanziario della Orte-Mestre. Inoltre nel medesimo Piano finanziario si fa riferimento all’utilizzo indebito di un surplus aggiuntivo di remunerazione del capitale investito da parte dei privati. Tanto basta per bloccare la Delibera Cipe», osservano i promotori del comitato che aggiungono: «Ma sono preoccupanti due aspetti: prima di tutto la disinvoltura con la quale il Cipe ha varato la delibera senza che ci fossero i presupposti necessari, in secondo luogo il fatto che la stessa Corte dei Conti, dopo aver denunciato pubblicamente i rischi legati al project financing, si sia limitata a una pura analisi formale e procedurale della documentazione senza mettere in evidenza il vero problema e cioè l’insostenibilità dell’intero Piano finanziario. Infatti i flussi di traffico previsti dagli stessi proponenti sono talmente bassi che le tariffe proposte andrebbero a superare di gran lunga quelle del Passante, già oggi le più care in Europa. Ed è chiaro che più care sono le tariffe e più cittadini e trasportatori si riverseranno sulle strade normali rendendo impossibile il rientro del capitale investito. A quel punto sarà lo Stato ad dover intervenire con ulteriori risorse».
Per questo Opzione Zero promuove una mobilitazione per chiedere lo stralcio del progetto. L’appuntamento è per il 20 e 21 settembre prossimi per due giornate di mobilitazione in contemporanea su tutti i territori attraversati dalla nuova autostrada.

Lino Perini

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui