Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

MALAMOCCO – Mose, ieri mattina alle 4 le squadre di ingegneri, tecnici, operai e sommozzatori che si alternano 24 ore su 24, hanno iniziato il varo del terzo cassone di soglia alla bocca di porto di Malamocco. La struttura è stata calata in acqua mediante il syncrolift – il mega ascensore per consentire il galleggiamento del cassone in cemento armato che pesa circa 23.000 tonnellate – ed è stata agganciata al mezzo speciale per il trasporto e l’affondamento in trincea. I cassoni di Malamocco sono i più grandi dell’intera opera e misurano 60 metri di lunghezza, 48 metri di larghezza e 11,55 metri in altezza. Nel rispetto dell’ordinanza della Capitaneria di porto il traffico navale attraverso la bocca di porto è stato interdetto al traffico dalle 3 alle 7. Dalle 7 e fino al termine dei lavori di posizionamento del cassone è utilizzata la conca di navigazione sia per l’entrata che per l’uscita dalla bocca di porto. La prima nave transitata ieri mattina alle 7.30 circa è stata la Bernhard Sibum lunga 139 metri. E’ stata accompagnata dai rimorchiatori Hippos e Vanna C in direzione laguna. A seguire sono uscite in mare la Sider Tis di 119 metri e la Big Cem di 96 metri. All’interno di ogni cassone vi sono due elementi fissi: celle stagne e la doppia dorsale di corridoi posti lungo l’asse longitudinale.Le celle interne hanno dimensioni variabili da 4×5 in pianta con altezze prossime ai 3-4-5 metri a seconda della loro ubicazione. Le celle destinate a esser allagate o riempite attraverso calcestruzzo sono state rese stagne e per necessità, durante le fasi di ripresa dei getti, sono stati inseriti gli elementi water stop. L’allagamento delle celle, o il loro riempimento con calcestruzzo, serve quando i cassoni sono varati in mare per poter controbilanciare le spinte del moto ondoso e andare a migliorare il baricentro del cassone stesso evitando così qualsiasi tipo di sbilanciamento o ribaltamento. Le gallerie centrali di distribuzione sono doppie e parallele perché ogni tipologia di impianto, meccanico, elettrico e idraulico è stato realizzato in maniera ridondante in modo da poter sempre funzionare anche in caso di guasto.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui