Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Riviera Fiorita confermata anche quest’anno. Si terrà il 14 settembre con il corteo acqueo da Stra a Malcontenta lungo il Naviglio ma sarà un’edizione “light”. Fino all’ultimo si è temuto il peggio; non la sospensione della XXXVII edizione di Riviera Fiorita ma un forte ridimensionamento, quello si. Già si parlava, viste le pochissime risorse, di contenere il costi e di ridurre il corteo acqueo privilegiando l’ultimo tratto del Naviglio verso il mare, considerando che trasferire le imbarcazioni veneziane della Regata Storica da Venezia fino a Stra costa 12mila euro. Invece all’ultimo sono intervenuti gli sponsor privati e Veritas, sostenendo la manifestazione simbolo della Riviera, l’unico biglietto da visita presentabile nelle mostre internazionali del turismo che collega Stra a Fiesso, Dolo a Mira coinvolgendo anche Vigonovo, Fossò e Campagna Lupia.
Non a caso la comunicazione ufficiale di Riviera Fiorita si intitola “l’Unione fa la forza”. A fare da collante anche quest’anno c’è l’impegno economico della Provincia, in fase di dismissione con l’avvento della Città Metropolitana, e l’Azienda di Promozione Turistica della Provincia di Venezia con il suo know-how nonostante il particolare momento che stanno vivendo gli operatori società remiere, senza dubbio i veri protagonisti, le società remiere con il Gruppo Remiero Rivierasco e il GS Voga Riviera del Brenta.
«Nonostante le emergenze a cui le amministrazioni sono chiamate a far fronte – ha spiegato la presidente dell’Unione di Comuni, Maddalena Gottardo – non abbiamo dimenticato le opportunità che Riviera Fiorita rappresenta». A sottolineare gli sforzi è intervenuto anche Mario Ferraresso, assessore al Turismo: «Rischiavamo di non farcela, ma abbiamo messo in campo tutte le disponibilità possibili in particolare del volontariato e delle Proloco». L’evento clou sarà domenica 14 settembre, con alcune novità e qualche modifica “in economia” che probabilmente sposterà il tradizionale pranzo di fronte a Villa dei Leoni a Mira in un’altra sede, più modesta mentre dal 12 al 14 settembre sarà un susseguirsi di mostre, eventi e iniziative a cornice della tradizionale manifestazione.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui