Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al Consiglio di Stato. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso Consiglio di Stato contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

«Ordine del giorno al destinatario sbagliato»

PORTOGRUARO – «Il provvedimento di rigetto della procedura di Valutazione di impatto ambientale sul “progetto litoraneo” della Tav Venezia-Trieste è stato chiesto dal Consiglio comunale a Governo e Regione, ma non alla competente commissione Via». I No Tav di Portogruaro ancora all’attacco del Consiglio comunale di Portogruaro sulla Tav nel Veneto Orientale. È notizia di questi giorni che il tracciato litoraneo della Tav è ancora “minacciosamente in piedi” e i No Tav manifestano tutta la loro preoccupazione. «Il Consiglio comunale di Portogruaro ha fatto passare un ordine del giorno dove “richiama e conferma” le precedenti posizioni favorevoli al Tav Venezia-Trieste e chiede a Governo e Regione Veneto di concludere con un provvedimento di rigetto la procedura di Via relativa al “progetto litoraneo”. Questa richiesta fa emergere una scandalosa ignoranza in materia Tav, in quanto il procedimento di rigetto della procedura di Valutazione di impatto ambientale non andava posta al Governo o alla Regione, ma alla Commissione Via».

(m.mar.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui