Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al Consiglio di Stato. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso Consiglio di Stato contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

MIRA – Il deposito di ceneri di pirite in via Bastie a Dogaletto fa paura e il rischio che a causa di lavori in corso si disperdano inquinanti nei terreni circostanti e nell’aria ha fatto preoccupare i residenti che hanno chiamato in massa i centralini del Comune. Ora Mauro Berti, capogruppo in Consiglio del Movimento 5 Stelle, rassicura tutti: «Il deposito di ceneri pirite lungo la Romea conosciuto come “Terre rosse” è da decenni l’incubo dei miresi», dice, «Questa mattina mentre qualcuno passava di lì, si è accorto che venivano svolti lavori di scavo su un fosso lungo la stessa strada. Alla segnalazione il sindaco Alvise Maniero ha provveduto a richiedere il sopralluogo da parte dell’Asl mentre l’assessore Maria Grazia Sanginiti, accompagnata dai cittadini si è recata in zona. È stato appurato che la ditta è in possesso delle autorizzazioni per scavo e posa di un tratto di oleodotto. Il materiale scavato rimane nel sito in attesa di sottoporlo alle dovute analisi». «Continuiamo a vigilare», dice Berti, «nella speranza di vedere presto avviati i lavori per la messa in sicurezza del sito e la risoluzione di una situazione da anni è ferita aperta per Mira».

(a.ab.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui