Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

PORTO MARGHERA – Uno spiraglio nella vertenza che vede contrapposti i sindacati dei chimici veneziani ad Eni e Versalis. Le due società hanno fatto sapere di essere pronte a riconvocare il tavolo di confronto che il 10 febbraio scorso aveva portato a siglare l’accordo sulla manutenzione straordinaria del Cracking, sulla costruzione di un nuovo impianto di chimica verde assieme all’americana Elevance Renewable Sciences e sull’assunzione di 90 lavoratori.
A parte l’avanzamento del progetto sul nuovo impianto (che dagli oli vegetali ricaverà intermedi destinati ai settori della cura della persona, dei detergenti, dei bio lubrificanti e di prodotti chimici per l’industria petrolifera), il resto di quell’accordo è rimasto lettera morta. Il Cracking è ancora chiuso e non ci sono prospettive di riapertura a breve, e delle 90 assunzioni non si parla più.
Perciò i sindacati veneziani prendono con le pinze la notizia del nuovo incontro (che dovrebbe tenersi il prossimo 23 settembre a Porto Marghera o a Milano), pronti a discutere di tutto ma anche a continuare l’agitazione e gli scioperi: «Speriamo che l’appuntamento non sia la riproposizione di quello del 28 agosto scorso – commenta in proposito Massimo Meneghetti, segretario della Femca-Cisl -: Eni e Versalis devono investire quanto promesso con l’accordo dello scorso febbraio, sviluppando progetti di prospettiva in grado di salvaguardare i 420 posti di lavoro del sito di Marghera, e di portare alla promessa assunzione di 90 persone». Giovedì 28 agosto, in seguito al confronto in Prefettura della settimana prima, sindacalisti e Versalis avevano tenuto un primo tavolo tecnico per affrontare le problematiche della fabbrica di Marghera ma l’incontro si era risolto quasi con un nulla di fatto.

(e.t.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui