Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

MIRANO Sindaco e operatori lanciano l’allarme soprattutto per le frazioni

«Annientati dagli ipermercati»

«Nessuna bottega di alimentari e un solo panificio, è un massacro»

CRISI  «I negozi chiudono, i commercianti restano disoccupati e la gente muove la macchina anche solo per comprare pane e latte»

«I centri commerciali portano nuovi posti di lavoro? Si, ma quanti ne distruggono?». Il grido d’allarme arriva da Mirano, a lanciare la crociata è Confcommercio: «L’esempio di Vetrego è il più eclatante, Scaltenigo e Zianigo sono sulla stessa strada. I negozi chiudono, i commercianti restano disoccupati e la gente muove la macchina anche solo per comprare pane e latte». Il tema è stato dibattuto giovedì sera alla libreria Mondadori in occasione della presentazione del libro «Wal-Mart fra Veneto City e Nave de Vero – Come i centri commerciali ci stanno impoverendo» scritto dal mirese Luigi De Gobbi. «Le grandi strutture di Mestre e Marghera portano nuovi posti di lavoro – ragiona l’autore – ma sono quasi tutti contratti a chiamata o comunque a tempo determinato. E poi pensate alle commesse del negozio sotto casa: loro sono quelle che perderanno il lavoro». Il presidente di Confcommercio del Miranese, Ennio Gallo, è il più agguerrito: «Nelle frazioni ormai mancano anche i servizi essenziali, in piazza a Mirano non ci sono più alimentari ed è rimasto un solo panificio. Può vivere una piazza di soli bar? Una volta c’erano il salumiere e l’artigiano: la bottega era una palestra per i giovani. Ora la grande distribuzione sta distruggendo la professionalità». Ma la ricetta qual è? «L’unica cosa che noi sindaci possiamo fare – sostiene Maria Rosa Pavanello – è unirci alle proteste delle associazioni di categoria e incentivare la spesa sotto casa. Se abbiamo aumentato i parcheggi con disco orario, è proprio per garantire più ricambio di auto davanti ai nostri negozi». Per Danilo De Nardi, direttore provinciale di Confcommercio, il problema è anche ambientale: «I centri commerciali provocano un enorme spreco di suolo sottraendo spazio a paesaggio e agricoltura». Al dibattito hanno preso parte anche il consigliere regionale Pietrangelo Pettenò («Da giunta e consiglio regionale sono arrivate troppe autorizzazioni, ma i responsabili hanno nomi e cognomi») e Davide Scano del Movimento 5 Stelle Venezia, anch’egli molto critico sulle continue aperture di nuovi centri commerciali. Gallo ha chiuso portando l’esempio da evitare: «Il centro di Mestre, fa scappare i clienti. Tra Ztl e stalli blu, è normale che la gente poi preferisca i centri commerciali».

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui