Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

LA PROPOSTA Babato (Federconsumatori)

I Comuni della Riviera in difficoltà per i tagli? «Una fusione in Città della Riviera del Brenta è la soluzione per ridurre i costi impropri della politica e contare di più». Utopia o una proposta concreta e coraggiosa per uscire dalla crisi creata dalla carenza di risorse pubbliche? Alfeo Babato (Federconsumatori Riviera) è convinto che il progetto sia fattibile e, presi carta e penna, e l’ha presentato ai sindaci dei Comuni di Fiesso d’Artico, Mira, Stra, Dolo e Fossò. «In un contesto urbano dove i Comuni del Riviera sono attaccati l’uno all’altro diventare la città Metropolitana, la Fusione dei Comuni – afferma Babato – è un processo “semplice” e concreto per ridurre i costi impropri della politica, contare di più, avere più peso per essere ascoltati. Un Comune più grande non avrebbe bisogno di enti e autorità intermedie”. Secondo Babato se i comuni di Mira, Dolo, Fiesso d’Artico, Fossò e Stra si fondessero in un’unica realtà (la Citta della Riviera del Brenta), costituirebbero un Comune da 76mila abitanti con tutta una serie di risparmi. «Il nuovo consiglio comunale sarebbe composto da 24 membri – spiega Babato – 66 in meno rispetto agli attuali. Ci sarebbero 15 assessori e 4 sindaci in meno e un bilancio comunale di circa 62mila milioni di euro. Con la fusione si risparmierebbe sui costi della politica e delle consulenze, sulle spese per gli immobili grazie alla riduzione delle sedi. Si risparmierebbe con l’accorpamento dei servizi e alla riduzione delle spese per luce, acqua, gas, manutenzione e contemporaneamente ci sarebbe un maggiore peso contrattuale e poter risparmiare sugli appalti. Significherebbe potenziare il Corpo di Polizia Municipale e garantire più sicurezza ai cittadini. Le entrate aumenterebbero soprattutto nei trasferimenti statali grazie al contributo stabilito dal Decreto Ministero Interni per i Comuni che decidono di fondersi». Insomma una proposta destinata a far discutere a condizione però di superare i vari campanilismi.

Luisa Giantin

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui