Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Contorta, l’ira dei pescatori in Regione

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

11

ott

2014

Quattro cooperative chiedono garanzie. Parte del canale è a Mira, ma il Comune non è stato coinvolto. Bettin: troppe forzature

VENEZIA – Il mondo della pesca contro lo scavo del canale Contorta. Una delegazione agguerrita di pescatori ha manifestato l’altro giorno in Regione. Le quattro cooperative più importanti di pescatori (Lega pesca, Federpesca, Agc e Coldiretti) hanno presentato un documento tecnico che dimostrerebbe l’esistenza di molte criticità, e chiesto di incontrare i vertici dell’assessorato e l’assessore Manzato. E stanno preparando un duro documento contro l’ipotesi di scavo del nuovo canale. Che distruggerebbe un’ampia porzione di laguna centrale dove è florida la pesca e la coltivazione dei molluschi. Una nuova grana per il progetto, all’esame dell’Impatto ambientale in Regione e Comune. «Non è di nostra stretta competenza», commenta l’assessore alla pesca Franco Manzato, «ma siamo intenzionati a chiedere il rispetto di alcune garanzie. Non si possono fare interventi senza prima sentire gli interessati, in questo caso i pescatori. Inserendo nel progetto mitigazioni ambientali e se necessario anche risarcimenti». Era già successo con la Valutazione ambientale del progetto di off shore, per cui sono previsti alcuni indennizzi per i coltivatori di vongole. Ma a molti non basta: «I danni alla laguna ci sono comunque».

E il progetto Contorta va avanti. Ma potrebbe adesso arenarsi di fronte e aun nuovo ostacolo. L’ex assessore all’Ambiente del Comune Gianfranco Bettin ha infatti inviato al ministero una segnalazione chiedendo il rispetto delle procedure. «Ci sono troppe cose che non vanno, e sarebbe bene seguire la via maestra», dice, «perché la vicenda Mose insegna». La scoperta riguarda il fatto che il tracciato del nuovo canale (quattro chilometri di lunghezza, profondo dieci metri e largo 120, con 6 milioni e mezzo di metri cubi di fanghi da scavare) interessa per circa un chilometro anche il territorio del comune di Mira. Che a differenza di Venezia e Campagna Lupia non ha però ricevuto il progetto dal ministero per l’Ambiente per le osservazioni. «La procedura dovrebbe ripartire», dice Bettin, «perché non si può evitare di coinvolgere un comune direttamente interessato. Già pende come un macigno la forzatura di aver considerato il progetto come un «adeguamento» di un canale esistente. Sarebbe come definire adeguamento la trasformazione di una sterrata di campagna in autostrada». C’è il rischio concreto che la procedura si blocchi, dunque. Anche perché il ministero per l’Ambiente è in attesa di ricevere le risposte ai quesiti inviate alle Infrastrutture, per i dubbi sollevati nelle osservazioni da Andreina Zitelli, Stefano Boato, Italia Nostra: «Perché il Porto ha proposto il progetto e perché si è scelta la strada delle procedure abbreviate se non è inserito nella Legge Obiettivo?». Un progetto che fa discutere. E ha provocato l’alzata di scudi anche dell’Unesco, che minaccia di depennare Venezia dai siti protetti se non si invertirà la rotta. I termini per la Via scadono il 17 ottobre. E nel frattempo anche un altro progetto alternativo per togliere le grandi navi da San Marco, quello firmato da De Piccoli-Duferco, è all’esame della Via.

Alberto Vitucci

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui