Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Rischio tagli sui fondi per il Mose

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

18

ott

2014

Ieri Fabris (Consorzio Venezia Nuova) al Cipe: «Ora servono almeno 130 milioni»

I tagli lineari ai finanziamenti in ogni settore che il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha promesso, incideranno anche sul Mose? Ieri il presidente del Consorzio Venezia Nuova Mauro Fabris è volato a Roma per incontrare i componenti del Cipe, il Comitato interministeriale per la programmazione economica, che stabilisce le linee generali della politica economica e finanziaria. La riunione ufficiale è prevista per lunedì 27 ottobre. Quel giorno, Fabris e i veneziani sapranno quanti di quei 401 milioni che la legge di stabilità del 2014, stando alle vecchie promesse, arriveranno davvero per concludere i lavori alle bocche di porto della laguna. Negli incontri di ieri, quasi un pre Cipe, il presidente Fabris ha voluto chiarire che cosa è davvero necessario per il 2015 e che cosa può essere rinviato al prossimo anno, alla legge di stabilità 2015. «Ho spiegato che se vogliamo che i lavori del Mose si concludano nel 2016, come ribadito più volte», spiega il presidente del Consorzio, «ci devono dare 128 milioni per pagare gli interessi sui mutui bancari e almeno 270 milioni per i lavori sulle bocche di porto». In tutto, quindi, 398 milioni di euro, ma va tenuto presente che arriveranno i 269 milioni del 2013 e quindi la cifra su cui non si potrà scendere è di 130 milioni di euro. «Il ministro delle infrastrutture Maurizio Lupi ci ha detto che c’è la volontà di mantenere i finanziamenti per rispettare la scadenza del 2016», conclude il presidente Fabris, «e quindi affronteremo la riunione del 27 ottobre con grande speranza».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui