Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Volantino dell’opposizione

DOLO «Forza Italia e Pd in Regione hanno votato la sospensione dell’attuazione delle schede ospedaliere dell’Asl 10. Perché non lo propongono anche qui nell’Asl 13?». L’idea è lanciata dal gruppo “Il Ponte del Dolo” dopo che il consiglio regionale ha approvato la mozione dell’assessore leghista Daniele Stival di sospendere le conversioni degli ospedali e bloccare le schede regionali per l’Asl 10 del Veneto Orientale. «È la dimostrazione che se c’è la volontà politica», scrive Giorgio Gei, capogruppo de “Il Ponte del Dolo” in un volantino, «si può impedire con precise azioni che l’ospedale di Dolo subisca danni irreparabili». Da tempo “Il Ponte del Dolo”, assieme al comitato “Bruno Marcato” e ad altri gruppi e associazioni, sta chiedendo la salvaguardia dell’ospedale rivierasco, anche attraverso una petizione popolare con migliaia di firme. Gei si sofferma sulla sua richiesta. «È quello che chiediamo da due anni», conclude, «ma è anche quello che i consigli comunali hanno chiesto votando un ordine del giorno comune e che migliaia di cittadini hanno chiesto firmando la petizione popolare. Se non lo fanno anche per l’Asl 13, è perché non vogliono farlo».

(g.pir.)

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui