Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Il consigliere Alberto Polo all’attacco: «La maggioranza ormai non c’è più, è ora di prenderne atto»

DOLO – Il Pati come le sabbie mobili, più le forze politiche dolesi vi si addentrano e più rischiano di rimanervi invischiate. L’ennesima mancata approvazione ha visto la polemica dichiarazione del sindaco Gottardo alla quale risponde il capogruppo di “Per Dolo, Cuore della Riviera” Alberto Polo: «Basta con un sindaco senza maggioranza che continua a rovinare la città». Il leader del maggior gruppo di opposizione insiste: «La maggioranza a Dolo non c’è più da un pezzo. Non prenderne atto significa avere disprezzo per la democrazia e scegliere scientificamente di rovinare la città». Sul Pati, Polo evidenzia. «La giunta Gottardo ha dato evidentemente la precedenza all’approvazione del mega progetto Veneto City piuttosto che a garantire, attraverso un Pati migliore di quella cementificazione di Dolo che continuano a presentare, vie di sviluppo che potrebbero portare benessere e occupazione in un momento così difficile per la città e il territorio». E conclude: «Il tentativo di attribuire le responsabilità della mancata approvazione a noi dell’opposizione è veramente qualcosa di vergognoso che, per altro, manifesta una palese malafede politica. Dovremmo essere noi a votare un documento che non condividiamo? Se non ha la maggioranza per votarselo da sola significa che in questi cinque anni qualcosa ha sbagliato; invece di chiedere soccorsi che noi non daremo, ne prenda atto e si dimetta».

(l.per.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui