Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

logo_oz

Comunicato Stampa Opzione Zero – 23 ottobre 2014

 

Continuare a giustificare la Nuova Romea speculando sulle vittime degli incidenti è vergognoso e intollerabile. Chi ancora sostiene la Orte-Mestre è in malafede o non sa di cosa parla.

La Nuova autostrada sarà pronta tra almeno 15 anni, non risolve i problemi di messa in sicurezza. Si intervenga subito per deviare i TIR sulla A-13 e per fare interventi puntuali sui punti più pericolosi.

Opzione Zero annuncia un dossier sullo stato di degrado della Romea. Non sono escluse diffide e azioni penali verso i responsabili.

 

“Speculare sulle vittime degli incidenti in Romea per giustificare la nuova autostrada è una consuetudine vergognosa e non più sopportabile, specie quando a parlare sono amministratori pubblici” questa la dura presa di Rebecca Rovoletto e Lisa Causin del Comitato Opzione Zero in merito alle recenti dichiarazioni del Sindaco di Campolongo Maggiore dopo l’ennesimo fatale schianto.

“Chi continua a spacciare la Orte-Mestre come la soluzione dei problemi di sicurezza della statale è in malafede o non sa nemmeno di cosa sta parlando” aggiunge Mattia Donadel presidente del Comitato – “perché il progetto di nuova autostrada non prevede alcun intervento per la messa in sicurezza della Romea; senza contare poi che nel migliore dei casi sarebbe pronta non prima di 15 anni. Intano cosa facciamo? Continuiamo a contare le croci?”

Anche l’effetto di separazione dei flussi dovuto alla nuova autostrada, di cui parla Campalto, rimane tutto da dimostrare: con tariffe che si prevedono addirittura più care di quelle del Passante, i TIR continuerebbero a percorrere gratis la “vecchia” Romea come fanno già oggi.

Un problema questo che si potrebbe invece risolvere immediatamente “dirottando” i TIR di lunga percorrenza sull’autostrada Padova-Bologna: nel solo 2013 sono stati 400 i milioni di euro stanziati dal Governo a sostegno dell’autotrasporto, basterebbe destinare una piccola parte di questi all’introduzione di meccanismi penalizzanti per chi sceglie la statale (es. bollino blu), o viceversa premiali per chi opta per la A-13.

Infine è opportuno ricordare al Sindaco di Campolongo che, in merito alla messa in sicurezza della SS 309, sono sufficienti qualche centinaio di milioni di euro per fare subito quegli interventi  puntuali e risolutivi che in tanti chiedono da decenni.

Peccato che con lo “Sblocca Italia” il Governo Renzi abbia stanziato 1,8 miliardi di contributi pubblici (defiscalizzazioni) per l’inutile e devastante autostrada Orte-Mestre e zero centesimi per la sistemazione della Romea.

Sulla questione sicurezza il comitato Opzione Zero annuncia la presentazione nei prossimi mesi di un vero e proprio dossier; non sono escluse diffide e azioni penali nei confronti dei responsabili del degrado della Romea, primi tra tutti ANAS e Regione Veneto.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui