Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

I ciclisti di “Cicloliberi di Chirignago-Gazzera” e della Federazione amici della bicicletta di Mestre si sono ritrovati in via Miranese, in corrispondenza dello sbocco della ex ferrovia, per sollecitare la realizzazione della pista ciclabile della Valsugana. Si tratta di una pista di 3 chilometri che collegherebbe via Miranese alla località di Asseggiano. I ciclisti hanno effettuato un volantinaggio, hanno appeso alcuni striscioni sulla recinzione ed hanno occupato simbolicamente per alcuni minuti l’ex ferrovia. Dopo che Rfi ha finalmente nei mesi scorsi tolto i binari, e consegnato il sedime della ferrovia al Comune di Venezia, i ciclisti si aspettavano che Cà Farsetti avviasse il cantiere. Il sit-in – spiegano i cicilsti – aveva lo scopo di chiedere al Commissario Zappalorto l’avvio dei lavori. I “Cicloliberi” sono una associazione di cittadini e cittadine residenti nel territorio di Chirignago-Gazzera, attivi per il miglioramento e la riqualificazione del proprio territorio, secondo principi di ecosostenibilità e di vivibilità urbana. Promuovono nel territorio la mobilità sostenibile, in primo luogo quella ciclabile, favorendo lo sviluppo di una rete di piste ciclabili, sostenendo tutte le politiche positive per il trasporto pubblico e i mezzi collettivi di spostamento.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui