Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

DOLO – Non saranno sospesi i lavori iniziati l’8 ottobre per la realizzazione di un bacino di invaso lungo il canale Tergolino, nonostante siano stati trovati reperti archeologici. Lo assicura la presidente della Provincia Francesca Zaccariotto: «I lavori andranno avanti ma con l’assistenza della Soprintendenza». Nell’area destinata al bacino di laminazione sono state rilevate alcune evidenze di età romana e riferibili a un passaggio agrario. L’opera in corso ha lo scopo di ridurre i rischi idraulici della frazione di Arino, soggetta a periodici allagamenti; è finanziata da Provincia e Comune di Dolo con 190 mila euro.

(l.per.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui