Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al Consiglio di Stato. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso Consiglio di Stato contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

PIANIGA – Riaperta ieri la provinciale via Barbariga a Vigonza dopo un intervento durato un anno. Ma l’ultimo tratto di collegamento con Pianiga verrà completato entro fine anno e costerà circa un milione di euro. I lavori inaugurati ieri a Vigonza sono consistiti nel rifacimento totale dei 5 chilometri che si snodano tra il territorio padovano e quello veneziano. Costo: 3 milioni e 200 mila euro, finanziati interamente da RFI nell’ambito degli accordi connessi alla realizzazione del quadruplicamento della ferrovia Padova-Mestre. È un’opera imponente perché ha richiesto la realizzazione di ben tre ponti con relativa ciclabili sullo scolo Pionca, due sotto Vigonza e uno sotto Pianiga, e l’allargamento della carreggiata, portata a 7 metri di larghezza oltre ai 2 di banchine laterali. Ieri il taglio del nastro con il sindaco Tacchetto, neo assessore provinciale alla viabilità e mobilità, i rappresentanti di Italferr e RFI, i tecnici e il titolare dell’impresa Pistorello che ha realizzato i lavori. «Risulterà notevolmente migliorata la viabilità di questa trafficatissima strada di collegamento nord-sud», ha detto il sindaco Tacchetto.

(g.a.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui