Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Dolo. Corteo per l’ospedale e polemiche

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

6

nov

2014

Anche Lega e FI alla manifestazione contro la loro giunta in Regione

DOLO «La Lega Nord e Forza Italia parteciperanno alla manifestazione per l’ospedale. Abbiamo avuto la conferma da parte del Comitato Bruno Marcato che sarà una manifestazione di sindaci e cittadini e non ci sarà alcun simbolo partitico. Perché la Sanità non ha colore politico». A dirlo è Giovanni Fattoretto, segretario della circoscrizione della Riviera della Lega Nord, che si è incontrato martedì e ieri con il comitato Bruno Marcato per discutere del corteo a difesa dell’ospedale di Dolo del 16 novembre.

Un corteo cui seguiranno gli interventi che chiederanno alla Regione la sospensione dell’atto aziendale dell’Asl 13, in attuazione delle schede sanitarie regionali, oltre all’avvio degli interventi previsti per l’ospedale di Dolo e alla sua catalogazione come ospedale di rete assieme a Mirano. «C’è un accordo con il comitato», dice Fattoretto, «che dice che non ci dovranno essere bandiere e loro sono garanti di questo. Se vedremo che ci sarà una violazione di questo accordo noi andremo a casa».

La presenza alla manifestazione della Lega Nord e di Forza Italia della Riviera, se da un lato è vista positivamente, solleva perplessità visto che sono proprio queste due forze politiche ad amministrare la Regione Veneto e ad aver votato il Piano Socio Sanitario Regionale che di fatto condanna Dolo.

«La mia opinione su questo tipo di manifestazione è che più partecipazione c’è meglio è», dice Mattia Donadel, presidente del comitato “Opzione Zero” che sarà presente all’evento del 16 novembre, «le realtà politiche locali che rappresentano forze di governo in Regione abbiano il coraggio di metterci la faccia e di criticare i vertici regionali se condividono la piattaforma della manifestazione. Altrimenti la loro polemica si traduce in un mero pretesto per smarcarsi dall’iniziativa».

Giacomo Piran

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui