Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Ecco che cosa è arrivato al Ministero dell’Ambiente per la valutazione di impatto ambientale: il progetto di autorità portuale, che si è autodichiarato in legge obiettivo, presentato il 16 settembre è stato inserito subito per le osservazioni del pubblico. Ne sono arrivate 361, di qualità diversa: dai singoli cittadini, a studiosi di fama internazionale, che si richiamano a leggi locali, nazionali ma invocano anche la sorveglianza dell’Unione europea per quanto riguarda i siti di interesse comunitario e il mondo intero, come l’Unesco, che ha ventilato l’ipotesi dell’esclusione di Venezia da patrimonio dell’umanità. Il ministero dovrà dare una risposta a ciascuna delle osservazioni che sono pervenute.

Il 17 settembre è arrivato al Ministero il progetto DePiccoli Duferco, che prevede un terminal all’esterno delle bocche di porto del Lido. Nonostante il chiarimento del ministero dei Trasporti che ha assicurato che tutti i progetti che puntano alla tutela del traffico delle grandi navi nella laguna di Venezia, questo incartamento è ancora fermo alla definizione dei contenuti (scoping).

C’è poi il terzo progetto, in ordine di tempo, quello presentato dall’ex assessore Roberto D’Agostino e che vorrebbe far arrivare le grandi navi a Marghera, destinando invece la Marittima ai grandi yacht, l’ipotesi caldeggiata dall’ex sindaco Giorgio Orsoni. Ebbene, questo terzo progetto ha una strada ancora diversa: presentato alla Capitaneria di Porto – sostiene D’Agostino – si è fermato lì. «Allora l’ho inviato al Ministero dell’Ambiente e a quello dei Beni culturali – dice – ho anche la ricevuta del numero di protocollo». Ma nel sito del Ministero non risulta ancora inserito, neanche nella fase preliminare. Eppure teoricamente anche questo dovrebbe essere inserito in legge obiettivo. In più c’è la mozione del Senato che all’unanimità aveva chiesto una valutazione congiunta delle alternative. Da sottolineare che a fine anno la commissione nazionale per la valutazione di impatto ambientale scadrà e dovrà essere rinnovata.

R.V.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui