Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

MIRA – Brenta Sicuro a Mira con l’iniziativa “le criticità degli argini dei nostri fiumi”. Questo l’appuntamento che si terrà questa mattina di fronte al Naviglio cui parteciperà il sindaco. «Dopo aver visitato 21 comuni con la presenza di 35 amministratori pubblici, l’iniziativa», spiega Marino Zamboni per il comitato Brenta Sicuro, « approda a Mira per parlare, fotografare lo stato dei corsi d’acqua in questo importante centro di 39.000 abitanti, portando al totale di circa 310.000 i cittadini rappresentati dai comuni visitati. Questa realtà presenta problemi e punti di contatto con le altre realtà: molti argini che franano, alberi addirittura che sono scivolati al centro dei fiumi sul Naviglio, da Mira Vecchia alla foce a Fusina sul Novissimo, da Mira Taglio a Porto Menai sul Taglio, da Mira Taglio a Porto Menai. La manutenzione del Genio Civile è carente».

All’incontro organizzato dal Comitato Brenta Sicuro ci sarà la partecipazione di Legambiente e Cia. Il comitato proprio sabato scorso, ha organizzato a Noventa Padovana la manifestazione “Alluvione del 1966 mai più“, e per scongiurare un pericolo come quello, per Zamboni le soluzioni ci sono. «Punto di contatto pressoché unanime degli incontri ( anche se però, che a Mira ci sono delle forti perplessità in merito)», dice Zamboni, «è stato il progetto idrovia Padova-mare che potrebbe ridurre il rischio di esondazioni dal Brenta e Bacchiglione».

(a.ab.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui