Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al Consiglio di Stato. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso Consiglio di Stato contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

FOSSÒ – Il sostituto procuratore di Venezia Giovanni Zorzi, su istanza dell’avvocato Stefano Marrone di Dolo difensore di Tiziano e Nicola Lando, residenti a Campolongo e titolari dell’azienda “Ecolando Srl” con sedi operative a Sant’Angelo di Piove e a Fossò, ha ordinato il dissequestro di tutti i mezzi aziendali. Il documento, firmato venerdì scorso, prevede la restituzione alla ditta Ecolando Srl di 18 autocarri e di 11 rimorchi di sua proprietà. Il provvedimento è stato deciso perché sono state condivise tra le parti delle nuove modalità operative dell’azienda nel pieno rispetto della legalità.

Tiziano e Nicola Lando, padre e figlio rispettivamente di 65 e 39 anni, sono accusati dal sostituto procuratore Giovanni Zorzi – dopo un’indagine condotta dal Corpo Forestale dello Stato di Venezia – di aver gestito un traffico illegale di rifiuti attraverso la loro azienda e di falso. Tanto che il giudice per le indagini preliminari ne aveva ordinato l’arresto. Resta invece ancora sotto sequestro l’azienda, nella quale lavorano 60 operai, che è ora affidata al custode giudiziario nominato dall’autorità giudiziaria, l’ingegnere Vito Ardone.

Giacomo Piran

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui