Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Autostrade: molti sì per la holding

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

19

nov

2014

VENETO-FRIULI

VERONA – «L’idea di un’unica holding per le autostrade del Nord, iniziando dal Nord-est, non può che trovarmi d’accordo». Lo ha detto il sindaco di Verona, Flavio Tosi, presidente dell’Autostrada Brescia-Verona-Vicenza-Padova Spa, a supporto delle dichiarazioni rilasciate due giorni fa dai presidenti del Veneto, Luca Zaia, e del Friuli Venezia-Giulia Deborah Serracchiani. «Sono d’accordo – ha aggiunto – anche perché questa idea l’ho condivisa più di un anno fa, il 28 giugno del 2013, con il ministro per le Infrastrutture Maurizio Lupi nel corso di un incontro che aveva come tema il sistema autostradale del Nord». Secondo Tosi, «un’unica grande società, compatta, consentirebbe di avere maggiori vantaggi nei rapporti con gli istituti di credito per chiedere finanziamenti e di essere più competitivi nelle gare d’appalto di fronte a competitori europei molto agguerriti».

Anche il presidente di Confindustria Veneto, Roberto Zuccato, rilancia lo stesos tema. «Il progetto di un’aggregazione autostradale tra Veneto e Friuli è un segnale importante dato dalla politica, al di là degli schieramenti contrapposti, la cui realizzazione porterebbe un concreto vantaggio al sistema infrastrutturale del Nord Est, nel quadro di una moderna, ed europea, visione metropolitana dei territori». Zuccato aggiunge: «L’intesa è molto rilevante e strategica. Non c’è dubbio che la pressione del traffico sia sempre più intensa proprio verso il corridoio est».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui