Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Ieri l’ente di Governo del trasporto pubblico ha ribadito la volontà di mettere subito a gara la corsa

La decisione definitiva sarà presa il 3 dicembre. Critica la Cgil che preannuncia uno sciopero all’Actv

CHIOGGIA – Si avvicina sempre più la privatizzazione della linea Actv per il servizio di trasporto extraurbano Chioggia-Venezia, aspramente contestata dai sindacati e dal Comune chioggiotto, anche per i negativi riflessi occupazionali che potrebbe determinare.

Si è tenuta infatti ieri nella sede comunale veneziana di Ca’ Farsetti l’incontro dell’Ente di Governo del Trasporto Pubblico Locale – cioè il coordinamento tra la Provincia di Venezia ed i Comuni di Venezia e di Chioggia sui servizi legati alla mobilità urbana e extraurbana – che aveva al centro proprio il problema della riorganizzazione dei servizi.

In concomitanza con la riunione i sindacati del trasporto pubblico veneziano Cgil, Cisl e Uil hanno tenuto nel corso della riunione un presidio di fronte a Ca’ Farsetti. La posizione della Provincia, rappresentata dall’assessore ai Trasporti Giacomo Grandolfo, ha ribadito la sua posizione per cui la quota del 10 per cento di trasporto pubblico locale che deve essere messa a gara per assegnarla a operatori privati anziché ad Actv, debba essere identificata nella linea 80.

Contrario, ovviamente il Comune di Chioggia. La linea scelta dall’Ente di Governo è stata quella di aggiornare la riunione al 3 dicembre, quando sarà presa una decisione definitiva, con la messa a gara del servizio tra Venezia e Chioggia – se davvero questa sarà la scelta finale – che potrebbe avvenire già entro dicembre.

«Questa riorganizzazione va contro l’accordo stipulato nell’agosto dello scorso anno», – commenta Walter Novembrini per la Cgil, «e la quota di trasporto pubblico locale da mettere a gara, come noi proponiamo, potrebbe essere identificato senza sforzo in quelle linee di trasporto extraurbano che già oggi l’Actv affida in subappalto e che sono affidate di fatto già a operatori privati. Se invece la decisione fosse quella di privatizzare la linea 80, i problemi per la funzionalità della linea e per gli effetti negativi sull’occupazione sarebbero gravi e la nostra risposta non potrebbe essere che dura, cominciando con la proclamazione di uno sciopero».

La linea 80 è l’unico collegamento via terra con Venezia, usufruito da migliaia di lavoratori e pendolari.

(e.t.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui