Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

«Oltre i limiti in alcuni tratti»

Il presidente: «Situazione critica solo per poche abitazioni»

«Valori fuori-norma solo in tratti limitati, ma Cav è attentissima alle problematiche ambientali. Alcuni mirati interventi sono già allo studio». Così la società autostradale risponde pubblicamente alla lettera inviata nei giorni scorsi da Flavio Valentini, direttore del Dipartimento di Prevenzione dell’Ulss 13. Nel suo documento, inviato anche a Regione, Provincia, sindaci interessati e Ministero dell’Ambiente, Valentini aveva sollecitato gli enti gestori dell’autostrada a realizzare gli interventi di mitigazione per ridurre l’impatto acustico del Passante.

Le rilevazioni fatte da Arpav hanno infatti evidenziato valori fuori norma nel periodo notturno nei Comuni di Mirano, Spinea, Martellago e Scorzé. «Sono necessari interventi per ridurre rapidamente i livelli di rumore. L’obiettivo è migliorare la qualità della vita dei residenti» hanno scritto dall’Ulss 13, mentre i sindaci rimarcavano l’assenza di adeguate barriere vegetali.

Ieri Cav, per bocca del suo presidente Tiziano Bembo, ha replicato: «Sin dal momento dell’apertura al traffico abbiamo dato incarico ad Arpav di eseguire il monitoraggio del Passante, del quale siamo assegnatari della sola gestione e non abbiamo avuto alcuna titolarità nelle fasi di progettazione e realizzazione dell’opera». Bembo poi entra nel dettaglio: «Le misurazioni hanno posto in evidenza valori oltre il limite solo in pochi casi nei quali la distanza tra case e autostrada era particolarmente ridotta, casi per cui comunque abbiamo la massima attenzione».

Cav rimarca di aver partecipato più volte a riunioni con Comuni e comitati per affrontare i problemi legati all’inquinamento acustico e atmosferico, ultimo ieri per discutere dei problemi della località Fossa a Spinea: «Stiamo collaborando anche con i tecnici dello Iuav per trovare soluzioni».

Intanto il consigliere regionale Bruno Pigozzo (Pd) tuona contro Luca Zaia: «Non ha mantenuto le promesse del predecessore Galan, le risorse per le barriere antirumore dovrebbero arrivare dai pedaggi del Passante».

Gabriele Pipia

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui