Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

«Buttato via un tesoretto: sono loro i colpevoli»

Il sindaco di Fossò Federica Boscaro: «Buttare di questi tempi dalla finestra 200mila euro per l’incapacità di amministratori di guardare avanti e di operare con senso civico di responsabilità verso i cittadini, merita solo un epiteto: colpevoli»

BOSCARO «Una miopia gravissima pagata a caro prezzo»

«Dolo ci ha “tolto” 200 mila euro»

Il sindaco di Fossò attacca duramente la Giunta Gottardo per i mancati introiti dell’Unione dei Comuni

È un colpo difficile da digerire per l’Unione dei Comuni «Città della Riviera del Brenta». Tutta colpa del mancato introito di 200mila euro che avrebbero dovuto entrare nelle casse dell’Unione, ma sul cui trasferimento la Regione del Veneto non ha dato il proprio assenso.

«La miopia, ma sarebbe meglio chiamarla cecità, di alcuni assessori e consiglieri di maggioranza della Giunta comunale del sindaco di Dolo, Mariamaddalena Gottardo, si è rivelata di gravissima entità per i quattro comuni che compongono l’Unione. Tuttavia, nonostante il mancato trasferimento da parte della Regione del Veneto di circa 200mila euro, lo spirito di responsabilità dei consiglieri dell’Unione dei Comuni della Riviera del Brenta ha ugualmente permesso l’approvazione all’unanimità dell’assestamento di bilancio».

A rendere pubblica la situazione è la sindaco di Fossò, Federica Boscaro, che nel corso di una seduta del Consiglio comunale ha dovuto affrontare la discussione in merito all’argomento per rispondere alla presentazione di una interpellanza a risposta immediata presentata dai consiglieri Asta, Discardi e Rubin.

«I Consigli Comunali di Fossò, Campagna Lupia e Fiesso d’Artico hanno votato in tempo utile il trasferimento all’Unione delle funzioni della Protezione Civile e della Polizia Municipale. Purtroppo la difficile situazione politica del Comune di Dolo, dove la sindaca Gottardo si è trovata ostaggio di alcuni membri di maggioranza, non ha permesso l’adozione delle stesso provvedimento. La Gottardo è stata ricattata con il veto di trasferimento di ogni altra funzione, compreso l’ingresso di altri comuni della Riviera del Brenta all’interno dell’Unione, ottenendo come risultato che la Regione non abbia riconosciuto la congruità dei requisiti. Di conseguenza alle casse dell’Unione sono mancati 200mila euro, portando il totale del deficit nelle casse di 250mila euro».

 

GOTTARDO – Un Consiglio straordinario per far luce sulla questione

La collega: «Ora voglio approfondire, poi replicherò»

DOLO – «Non mi sento di replicare a quanto dichiarato dal sindaco Boscaro. In questo momento preferisco approfondire la questione prima di fare qualsiasi commento».
Il sindaco di Dolo Maddalena Gottardo preferisce rispondere con calma alle affermazione della sua omologa ma intanto l’opposizione al completo ha inoltrato una richiesta di convocazione del Consiglio Comunale con all’ordine del giorno il “Mancato introito contributi e maggiori spese in Unione dei Comuni «Città della Riviera del Brenta» a causa di presunte inadempienze e mancate decisioni da parte dell’Amministrazione comunale di Dolo”. Su questo tema il sindaco Gottardo osserva. «È una richiesta legittima e condivisibile perché vengano approfonditi tutti gli aspetti della vicenda.» E sulla richiesta che il consiglio sia aperto con la presenza anche degli altri sindaci dell’Unione, la Gottardo conviene. “È giusto anche questo perché è un problema che riguarda tutti ed è opportuno che tutti siano presenti.” Il sindaco s’impegna anche a fissare il consiglio al più presto, sicuramente prima delle festività natalizie.

(L.Per.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui