Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al Consiglio di Stato. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso Consiglio di Stato contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Un altro treno guasto. Pendolari in croce.

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

3

dic

2014

Il Trieste-Treviso-Venezia si è fermato bloccando un binario e causando ritardi su tutta la linea

MOGLIANO – Il guasto a un treno manda in tilt la Venezia-Udine: disagi, ritardi e pendolari imbufaliti. È successo ieri, tra le 13.45 e le 15: un’ora e oltre di vero e proprio caos, con sette treni regionali che hanno accumulato ritardi variabili tra gli 11 e i 44 minuti. A causare l’ennesima giornata nera sulla linea che attraversa la Marca è stato il convoglio in partenza da Trieste alle 10.56 e diretto in laguna. Qualche problema di tipo tecnico evidentemente si è manifestato già nella tratta fra Trieste e Treviso, dato che nella stazione del capoluogo della Marca il regionale è arrivato accumulando qualche minuto di ritardo. Niente rispetto a quello che sarebbe successo pochi chilometri più avanti. È fra Treviso e Preganziol, stazione dove peraltro non doveva sostare, che i problemi si sono manifestati in tutta la loro gravità, costringendo il personale viaggiante di Trenitalia a fermarsi eccezionalmente a Preganziol. Qui il treno si è fermato senza più ripartire verso Mogliano se non dopo diverse decine di minuti, completamente vuoto. Nel frattempo, infatti, i passeggeri del regionale 2452 erano stati fatti trasbordare sul treno successivo per proseguire il viaggio verso Mogliano, Mestre e Venezia. Il tutto non senza mugugni per l’ennesimo disservizio ferroviario.

Ma non è tutto: la presenza del regionale fermo sul binario a causa del problema tecnico ha imposto a Trenitalia di riorganizzare in fretta la circolazione sulla tratta Treviso-Venezia, pena la paralisi della circolazione. Ed è così che i treni tra le 13.45 e le 15 hanno circolato su un solo binario. Un senso unico alternato non certo indolore soprattutto per quanto riguarda i ritardi accumulati via via dai treni in transito. Secondo quanto riferito da Trenitalia, si è andati da un minimo di 11 a un massimo di 44 minuti, con una media ben superiore ai venti minuti. In tutto sono stati sette i treni regionali che hanno subìto ritardi a causa del convoglio fermo alla stazione di Preganziol. A pagare i disagi maggiori, soprattutto i ragazzi che usano il treno per spostarsi da casa a scuola e viceversa, oltre ai pendolari che lamentano anche la scarsità di informazioni. Racconta una pendolare di ritorno da Venezia che il suo treno è rimasto fermo per una quarantina di minuti a Mogliano, senza che nessuno chiarisse ai passeggeri cosa stesse succedendo. Un’attesa capace di infastidire non poco i pendolari che si sentono bistrattati per un servizio spesso contrassegnato da ritardi e disagi.

Rubina Bon

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui