Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Grandi navi, un altro progetto per il Lido

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

5

dic

2014

Oggi alle 17 in sala San Leonardo a Cannaregio presentazione dell’avamporto galleggiante

C’è un altro progetto per togliere le navi da San Marco. Un avamporto galleggiante davanti all’isola del Mose, in bocca di porto di San Nicolò, con banchine rimovibili, capace di ospitare fino a quattro grandi navi da crociera. Lo hanno firmato un gruppo di architetti, ingegneri e professionisti che adesso lo presenteranno al ministero per l’Ambiente. E oggi pomeriggio alle 17 in sala San Leonardo a Cannaregio. Si chiama «Avamporto galleggiante Bocca di Lido» ed è firmato da Stefano Boaro, Carlo Giacomini, Vincenzo Di Tella, Mariarosa Vittadini, Paolo Vielmo, Marco Zordan. Poco cemento e soprattutto «strutture rimovibili», più contenute nell’ingombro, anche visivo, rispetto al terminal progettato da Cesare De Piccoli e dalla Duferco.

«Siamo partiti dal fatto che in laguna non si devono scavare nuovi canali», spiega Boato, «e nemmeno potenziare e allargare il canale dei petroli, visto che quel progetto è stato già bocciato lo scorso anno dalla commissione di Salvaguardia». «In questo modo», si legge in una nota dei progettisti, «con un intervento conforme alla Legge Speciale, cioè graduale, sperimentale e reversibile e una spesa inferiore a tutti gli altri progetti presentati, sarà possibile togliere le navi incompatibili da San Marco e portarle fuori della laguna».

Le banchine potrebbero ospitare quattro navi di grandi dimensioni. Il progetto De Piccoli ne prevede sette, ma la banchina in quel caso è una «stecca» lunga quasi un chilometro, a ridosso della diga di Punta Sabbioni, collegata alla terraferma con un ponte.

Nell’ipotesi Boato-Vittadini la stazione Marittima di piccole dimensioni sarebbe collocata alle spalle delle banchine, dove c’è l’isola del Mose. Si attende intanto il pronunciamento della Via sul primo progetto presentato, quello del Porto (lo scavo del Contorta) che dovrebbe arrivare entro il mese).

(a.v.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui